Spaccio Moncler, Moncler Outlet Online, Moncler Sito Ufficiale, Moncler Milano

Fondato nel 1952 in Francia, a Monestier – de – Clermont, con una vocazione per i capi sportivi destinati alla montagna, Moncler negli anni ha affiancato allo stile una continua ricerca tecnologica che ha reso il brand unico e esclusivo.
Resta la “testa” della società del lusso quotata in Borsa, Remo Ruffini, che mantiene la partecipazione di controllo (anche se “limata” rispetto a oggi). Ma al suo fianco moncler sito ufficiale arrivano due nuovi azionisti, la società di investimenti indipendente di Singapore Temasek e l’imprenditore Juan Carlos Torres, presidente del gruppo di travel ratail Dufry.
Allo stesso tempo Giovanni Tamburi, che ha accompagnato l’imprenditore dei piumini fino a questa parte del suo percorso, esce dalla holding di controllo (dove aveva il 14%) per diventare azionista diretto di Moncler con il 5.1%, guadagnando una plusvalenza di circa 80 milioni di euro. I passi Il comunicato che ha annunciato il riassetto, diffuso per adesso solo in inglese, spiega che il riordino avverrà attraverso la costituzione di una newco.
o10Di questa nuova società Remo Ruffini, tramite Ruffini Partecipazione, avrà il 75.6% mentre i due nuovi soci avranno complessivamente il 24.4%. Rispetto alla situazione attuale, dunque, anche il presidente e amministratore moncler giacca outlet delegato di Moncler fa cassa: oggi ha, infatti, l’ 86% della Ruffini Partecipazioni, nella nuova configurazione avrà il 10.4% in meno.
Al termine delle operazioni la newco riprenderà il nome di Ruffini Partecipazioni e avrà il controllo del 26.8% di Moncler, rispetto all’attuale 32% (la parte restante è quella posseduta da Tamburi attraverso Clubsette srl e che diventerà, come detto, diretta). Tra i nuovi azionisti sono stati definiti patti parasociali che saranno resi pubblici nel momento in cui l’accordo avrà efficacia, ovvero a partire dal 3 agosto, e un periodo di lock – up di tre anni per i due nuovi investitori e di due per Ruffini, anche se sarà possibile porre termine all’intesa prima del tempo. L’intesa, però, punta al lungo periodo. La nota spiega, infatti, che lo scopo di questa operazione è quello di sostenere lo sviluppo di Spaccio Moncler nel mondo. Ruffini continuerà a guidare la società, mentre i due nuovi soci nomineranno un direttore già individuato nella persona di Juan Carlos Torres.
In Temasek e Juan Carlos ho trovato quello che ho sempre cercato mentre immaginavo lo sviluppo di Moncler: impegno, supporto, competenze e ambiziosi partner strategici, che capiscono la mia visione per il marchio, l’azienda e la nostra gente. In qualità di partner portano Moncler Milano competenze ed esperienze che andranno a integrare quelle già esistenti all’interno del gruppo per perseguire le giuste opportunità di crescita futura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *